.
Annunci online

piertorri
ECONOMIA
9 ottobre 2008
Premier League in crisi finanziaria.
Non è certo la prima cosa a cui si pensa, quando si aprono i giornali di questi tempi. però su Le Monde vengono spiegate bene le implicazioni della crisi finanziaria sulla Premier League, dove i proprietari di molti club sono finanzieri o fondi d'investimento, che stanno vivendo un periodo nerissimo...
“Il calcio sull’orlo del crack“. E’ il titolo di un’inchiesta pubblicata ieri da Le Monde nella quale il quotidiano francese si sofferma sulle conseguenze devastanti dello tsunami finanziario nella Premier League. “La crisi dei sbubprime e la probabile recessione economica del Regno Unito stanno minacciando l’equilibrio finanziario della maggioranza dei club inglesi” sostiene Le Monde, secondo il quale alcune delle società calcistiche più ricche del campionato appartengono a magnati (spesso americani) sommersi dai guai. Tra i casi più eclatanti citiamo il proprietario del Manchester United, lo statunitense Malcolm Glazer, incapace di trovare i fondi necessari per rimborsare il prestito colossale contratto durante l’acquisto dei Red Devils nel 2005. Oggi, “le banche d’affari della City sarebbero alla ricerca di un acquirente”. Ma i disagi della squadra più titolata della Premier League sono soltanto la punta dell’iceberg. Presi alla gola dalle loro obbligazioni finanziarie, Tom Hicks e George Gillett, proprietari texani del Liverpool F.C., hanno rimandato alle calende greche la costruzione di un nuovo stadio destinato a sostituire il mitico Anfield Road. Ma i tifosi di capitano Steve Gerrard possono consolarsi: molto peggio è andato al club rivale dell’Everton, ormai ufficialmente in vendita. E che dire dell’agonia in cui rischia di sprofondare il Tottenham Hotspur in seguito al miliardo di euro persi dal suo principale azionista, il magnate britannico Joe Lewis, con il fallimento di Bear Stearns? La lista purtroppo non si ferma qui. Il collasso dell’economia islandese sta mettendo nei guai il presidente del West Ham, l’imprenditore Bjorgolfur Gudmandsson, già in difficoltà dopo il fallimento della compagnia aerea low-cost XL (sponsor principale del West Ham), mentre la caduta libera delle vendite di Sports Direct, una catena di dsitribuzione specializzata negli articoli sportivi, ha costretto Mike Ashley a mettere in vendita il Newcastle.
(panorama.it)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. finanza calcio crisi

permalink | inviato da JPier il 9/10/2008 alle 20:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte