.
Annunci online

piertorri
SOCIETA'
10 ottobre 2007
Jack Bauer: giustizia comparata col Belpaese.
La situazione è davvero semplice. Succede che Kiefer Sutherland, il Jack Bauer della serie tv 24, si è dichiarato colpevole di guida in stato di ebrezza. Qualche tempo fa si era divertito troppo a una di quelle feste/premizioni della Hollywood che conta (segnatamente: OX Fall Eco-Casino, un party organizzato dalla FOX a Los Angeles al quale partecipano i principali attori impegnati nelle Serie Tv del Network) e se n'era tornato a casa con la sua macchina. Nel tragitto verso casa, dopo un'inversione a U vietata, è stato fermato dalla polizia, che lo ha subito messo in galera dopo aver costatato l'elevato tasso alchemico. Qualche ora dopo è tornato in libertà, dopo aver pagato una cauzione di 25 mila dollari.
Oggi c'è stato il processo che ha detto:
  • 48 giorni di carcere, di cui 18 consecutivi da scontare a Dicembre, durante l'interruzione delle riprese della nuova serie di 24. I restanti 30 giorni potranno essere scontanti, anche non di seguito, a discrezione del condannato, ma entro Luglio 2008.
  • Ritiro della patente
  • Multa salatissima ancora da definire
  • l'obbligo di seguire un corso sulle cause dell'alcol della durata di 18 mesi.
  • obbligo di seguire una terapia settimanale per sei mesi
Arriviamo in Italia, ad Appignano del Tronto in provincia di Ascoli Piceno, e ci si imbatte nella mala-legge italiana. Succede che in Aprile il rom Marco Ahmetodic, completamente ubriaco e alal guida di una macchina, investe e uccide 4 ragazzi di età compresa tra i 16 e i 20 anni. Il PM chiede 4 anni e 20gg, il giudice invece lo condanna a:

  • 6 anni e sei mesi di reclusioni
  • 6 mesi di custodia in un centro terapeutico di recupero
  • pagamento di complessivi 600.000€ alle tre parti civili come risarcimento d'anni
Il rom aveva ottenuto gli arresti domiciliari fin da subito, e visto che la sentenza non è definitiva, continuerà a starsene agli arresti domiciliari. Ovviamente, quando la sentenza passerà tutti i gradi di giudizio, la pena sarà diminuita del tempo che ha trascorso agli arresti domiciliari.
Il tutto è possibile pechè in questi casi il diritto italiano prevede l'omicidio colposo, anche epr queste fattispecie di reato. Omicidio colposa significa dare la colpa al destino, alla fatalità, non a chi guidava completamente ubriaco. Per questo motivo il pm aveva chiesto solo 4 anni, è nella legge che si trovano i motivi di una sentenza all'apparenza davvero troppa ingiusta. Il giudici ha aumentato di due anni e sei mesi perchè ha rilevato quello che può essere considerato "la previsione della possibilità dell’incidente, avendo assunto così tanto alcol". Quest'ultimo aspetto ha prevalso, nell asnetenza, sull'attenuante che Marco fosse un incensurato.
Il problema, evidentemente, non sta nella giustizia: il pm prima e il giudice poi nulla hanno colpa di una sentenza ingiusta. Il problema è il codice che andrebbe rivisto. Va da sè che l' omicidio colposo non deve essere eliminato (altrimenti si rischia di finire in carcere per qualsiasi cosa, anche la più accidentale: se vengo rapito per strada, cerco di liberarmi, apro la portiera della macchina, il rapinatore cade con me, il rapinatore muore,.. è omicidio colposo con una serie di attenuanti tali che non mi farei un giorno di carcere). Deve essere invece eliminata la fattispecie di incidente mortale colposo per guida in stato di ebrezza: non so se la situazione sia addirittura l'omicidio volontario, che equiparerebbe l'incidente a un assassino. Personalmente troppo.

Come stanno le cose ora, il giovane rom pagherà 1,5 anni per ogni giovane vita che ha ucciso. Troppo poco.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giustizia omicidio colposo legge

permalink | inviato da JPier il 10/10/2007 alle 19:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
18 agosto 2007
Mastella, Mastellone, ancora Mastella.
Non parliamo del suo blog, lo giuriamo. Ci divertirebbe l'idea, ma tant'è.
Stupiti, invecem ci ritroviamo a parlarne quasi bene.
L'antefatto o la questione è un po' la solita: è giusto che persone in attesa di giudizio e in generale persone indagate abbiano il diritto di candidarsi o di ricoprire attivamente ruoli politici?
Da queste parti la risposta è chiara, un po' meno dalle parti di Mastella, ma non ci si può stupire visto il passato trasformista del nostro. L'idea che si ha è :

  • chiunque venga indagato debba essere temporaneamente sospeso dagli incarichi politici che ricopre. Sospeso da deputato, senatore, consigliere regionale/provinciale/comunale, ministro, sottosegretario e via dicendo.
  • Qualora venga condannato in primo grado dovrebbero essergli sospesi tutti i benefici patrimoniali (stipendio, pensione, agevolazioni fiscali, bonus, portaborse, rimborso spese).
  • Qualora venga poi riconosciuto colpevole anche nel terzo tgrado di giudizio la sospesione dovrebbe diventare definitiva.
  • Qualora l'ultimo grado di giudizio lo dichiari non colpevole, la sua posizione dovrebbe essere ripristinata, con il montante di tutti i benefits persi nel tempo trascorso e il risarcimento danni.
Questo è un po' il pensiero di chi scrive. E' un discorso da fantapolitica, da "io vorrei", roba che andrebbe benissimo sul blog de iMille, ma non aspiro a tanto.
Ora però dobbiamo tirar fuori l'aggancio con Mastella, altrimenti il bellissimo titolo del post è lì solo da specchietto delle allodole...
Il collegamento è un'intervista recentissima a Mastella, comparsa nel numero di questa settimana de "L'espresso":

In attesa della sentenza, i politici sospettati non dovrebbero essere sospesi?
"A me è successo un fatto. Io non ho candidato a Roma una persona al consiglio regionale, perché mi mandarono una fedina penale secondo la quale non aveva i criteri di moralità che immaginavo. Il giudice mi ha condannato a risarcirlo con 150 mila euro, che ho pagato sull'unghia".

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica mastella stipendio legge

permalink | inviato da JPier il 18/8/2007 alle 18:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
SOCIETA'
6 agosto 2007
Per i ventenni niente nuova 500!!!
Forse in pochi se ne sono accorti, o forse sì.
Sta di fatto che il disegno di legge sugli interventi automobilistici è passato alla Camera; per diventare definitivo ci dovrebbe essere il giro al Senato. Impossibile a inizio agosto. Se ne riparlerà a settembre; tuttavia il Governo ha approvato un decreto legge con validità 60 gg (quindi direttamente effettivo fin dal giorno della pubblicazione), contenente alcune delle norme più importanti e restrittive per combattere il problema delle morti sulla strada.
Tra le altre cose, c'è il divieto per i neopatentati e per i tre anni successivi di guidare macchine con potenza superiore ai 50 kw: la nuova 500 è 51 kw quindi i ragazzini con fresca patente non potranno guidarla per i successivi 3 anni !!!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. 500 macchina patente legge

permalink | inviato da JPier il 6/8/2007 alle 19:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte