.
Annunci online

piertorri
POLITICA
3 novembre 2007
Mastellopoli, il Campanile e Ceppaloni.
Interessante l'inchiesta de "L'espresso" su "Il Campanile", quotidiano dell' Udeur:

L'edicolante di San Lorenzo in Lucina, a due passi dal Parlamento, spiega: "Da molti anni ricevo cinque copie ogni mattina. Non ne ho mai venduta una"

Va detto che il giornale, in quanto organo di partito, riceve il finanziamento pubblico pari a 1 milione e 300 mila euro. Vengono stampate ogni giorno 5 mila copie, di cui 1500 finiscono in edicola in tutta Italia, evidentemente con più facilità nell'area di Benevento, va da sè. Ma del Campanile se n'era già parlato da queste parti.

Tra tutto c'è una cosa molto interessante. Il Campanile ha sede in un palazzo dell'Inail. L'anno scorso Il Campanile aveva l'opportunità di riscattarlo per un milione e 450 mila euro, un prezzo basso visto l'immobile. Succede che invece a comprarselo è stata una società del figlio di Mastella, che di fatto si è comprato l'immobile, sfruttando l'opportunità che l'Inail dava a chi era affittuario, cosa che il figlio di Mastella non era. Diventato proprietario, sborsando per metà contanti e per il resto accendendo a un mutuo da 6 mila euro, il figlio di Mastella ha aumentato l'affitto ai danni de Il Campanile da 3 mila a 6 mila euro, che è proprio l'importo della rata del mutuo. Tradotto for bunnies, il figlio di Mastella si sta pagando il mutuo con i soldi pubblici. Questo è solo uno dei giri che uniscono politica e vita privata di Mastella.
La longa mano di Mastellopoli.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica mastella udeur finanziamenti pubblici

permalink | inviato da JPier il 3/11/2007 alle 9:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
POLITICA
3 settembre 2007
Mastella prende in braccio Benigni che prese in braccio Berlinguer

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mastella benigni

permalink | inviato da JPier il 3/9/2007 alle 18:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
POLITICA
18 agosto 2007
Mastella, Mastellone, ancora Mastella.
Non parliamo del suo blog, lo giuriamo. Ci divertirebbe l'idea, ma tant'è.
Stupiti, invecem ci ritroviamo a parlarne quasi bene.
L'antefatto o la questione è un po' la solita: è giusto che persone in attesa di giudizio e in generale persone indagate abbiano il diritto di candidarsi o di ricoprire attivamente ruoli politici?
Da queste parti la risposta è chiara, un po' meno dalle parti di Mastella, ma non ci si può stupire visto il passato trasformista del nostro. L'idea che si ha è :

  • chiunque venga indagato debba essere temporaneamente sospeso dagli incarichi politici che ricopre. Sospeso da deputato, senatore, consigliere regionale/provinciale/comunale, ministro, sottosegretario e via dicendo.
  • Qualora venga condannato in primo grado dovrebbero essergli sospesi tutti i benefici patrimoniali (stipendio, pensione, agevolazioni fiscali, bonus, portaborse, rimborso spese).
  • Qualora venga poi riconosciuto colpevole anche nel terzo tgrado di giudizio la sospesione dovrebbe diventare definitiva.
  • Qualora l'ultimo grado di giudizio lo dichiari non colpevole, la sua posizione dovrebbe essere ripristinata, con il montante di tutti i benefits persi nel tempo trascorso e il risarcimento danni.
Questo è un po' il pensiero di chi scrive. E' un discorso da fantapolitica, da "io vorrei", roba che andrebbe benissimo sul blog de iMille, ma non aspiro a tanto.
Ora però dobbiamo tirar fuori l'aggancio con Mastella, altrimenti il bellissimo titolo del post è lì solo da specchietto delle allodole...
Il collegamento è un'intervista recentissima a Mastella, comparsa nel numero di questa settimana de "L'espresso":

In attesa della sentenza, i politici sospettati non dovrebbero essere sospesi?
"A me è successo un fatto. Io non ho candidato a Roma una persona al consiglio regionale, perché mi mandarono una fedina penale secondo la quale non aveva i criteri di moralità che immaginavo. Il giudice mi ha condannato a risarcirlo con 150 mila euro, che ho pagato sull'unghia".

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica mastella stipendio legge

permalink | inviato da JPier il 18/8/2007 alle 18:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte