Blog: http://piertorri.ilcannocchiale.it

United 93.

Se n'è fatto un gran parlare l'anno scorso o più. Dopo un periodo di rielaborazione del lutto, Hollywood si è decisa a raccontare la vicenda che più ha colpito il mondo moderno dalla fine del comunismo. Il film è diretto in modo per nulla manieristico, anzi, bellissime sono le sequenze simil amatoriali, che riescono a render ancor più l'idea di essere, noi stessi spettatori, al centro dell'azione. Meglio la prima parte della seconda, un po' perchè da metà film in poi, quando il volo United 93 è partito l'intreccio e la sua rappresentazione confluiscono nel solito stereotipato film d'azione. Forse più sopra la media rispetto ai tanti film su disastri aerei, bombe su aerei e via dicendo. La prima aprte è decisamente molto più interessante, fosse solo perchè riesce a raccontare l'11 settembre da un osservatorio a noi per lo più sconosciuto: quello delle torri di controllo. Ecco che si imparano i meccanismi di funzionamento del controllo aereo ed ecco che gli eventi che abbiamo mandato a memoria ritrovano una qualche parvenza di novità in virtù della diversa prospettiva.
Chi vi ha trovato solo un moto patriottico, nazionalista, di riscossa, di lotta tra buoni e cattivi è rimasto, purtroppo per lui solo in superficie.

Curiosità:

Pubblicato il 22/7/2007 alle 0.0 nella rubrica Film veramente visti.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web