Blog: http://piertorri.ilcannocchiale.it

Le bionde sigarette e poi...



Sui quotidiani italiani si sta facendo un gran parlare dei legami tra industria del tabacco e cinema. All'epoca le sigarette erano pubblicizzate e considerate (o almeno questo era ilmessaggio che si voleva far passare) come un simbolo di virilità e machismo per gli uomini e come simbolo di indipendenza e emancipazione epr le donne. Le indusrie del tabacco chiedevano di pubblicizzare l'uso delle sigarette (e delle loro sigarette possibilmente) all'interno dei film in cambio si accollavano le spese di pubblicità del film.
In fondo era un'arma vincente. Un grande film di successo con protagonista fumatore poteva avere un ritorno interessante per le Philip Morris di turno.

Così, per dire e aggiungere, le sigarette venivano chiamate "bionde" (ora un po' in disuso, anche se si utilizza in certe parti d'Italia, soprattutto al nord) perchè il tabacco è di una colorazione tendente al biondo e ad una colorazione (a volte più scura, castana) proprio come i capelli delle donne.

Pubblicato il 28/9/2008 alle 12.44 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web