Blog: http://piertorri.ilcannocchiale.it

Andrea Pezzi e la Ovopedia.

Che succede?
Succede che tu lasci un tipo che hai seguito e apprezzato negli anni '90 e te lo ritrovi cambiato. Già con Internet Cafè avevo storto il naso, ma va bene così, se paragonato al nulla che di televisivo c'era in onda all'epoca, l'idea era anche interessante, quanto banale (Preso una rgomento, con google vado a vedere tutte le informazioni che torvo su internet).

Ora Pezzi ha una sua società di produzione e il suo progetto si chiama Ovopedia. E' un progetto di Silvio Berlusconi, innanzittutto che aprtecipa per oltre il 50%. Lo scopo è quello di raccontare la storia con una serie di videoclip che tra qualchemese verranno lanciati sul digitale, in tv e su internet. Dalle prime visioni, pare che la storia sia vista in maniera un po' così, senza alcun tipo di valutazione ex-post, ma vedremo. E' la storia vista da Silvio Berlusconi, dicono i maligni. Da queste parti fa già specie che Andrea Pezzi sia il responsabile del progetto.

Che poi la cosa più sconvolgente è venire a sapere che Andrea Pezzi è un devoto di tal Meneghetti, un frate che ha fondato una sorta di movimento per la costruzione della personalità di leader. A detta di terzi si tratta di una setta pseudoreligiosa (o quelle cose lì), ma va anche detto che Meneghetti ha indetto una causa, vincendola, contro chi lo diffamava. Quello che è vero, invece, è che le sue prestazioni/corsi hanno un costo di 2.000 euro. Meneghetti ricostruisce la storia partendo dall'analisi dei leader e succede quindi di inciampare in considerazioni particolari, ad essere gentili. Da un articolo apparso su "L'espresso" si evince anche un discreto antisemitismo.

Si legge poi:

Ma perché il premier ha deciso di finanziare personalmente Ovo attraverso la cassaforte di famiglia Fininvest e di inserire un suo uomo, Paolo Mazzoni, nel consiglio di amministrazione della società? Rispondere alla domanda non è semplice. Qualche dato di fatto però aiuta a capire. Già nel 2006 Meneghetti ha potuto presentare il suo libro più importante ('La psicologia del leader') alla quarta convention dei circoli giovani di Dell'Utri, mentre Pezzi nel 2005, grazie alla fortissima sponsorizzazione dell'ex assistente personale del Cavaliere e attuale parlamentare Deborah Bergamini, ha ottenuto un programma su RaiDue, 'Tornasole', in cui Meneghetti, suscitando lo sconcerto del critico televisivo del 'Corriere della Sera', Aldo Grasso, è stato tra gli ospiti d'onore. Tra gli obiettivi del 'Tornasole' c'era quello di rompere la presunta egemonia culturale della sinistra. Gli ascolti sono stati deludenti, ma quello è stato comunque un primo passo.

Pubblicato il 29/9/2008 alle 10.35 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web