Blog: http://piertorri.ilcannocchiale.it

Depositi salvi?



Parrebbe che anche nel caso in cui la nostra banca fallisse, i nostri soldi depositati ci tornerebbero comunque indietro. Non i soldi investiti in azioni invece. Almeno pare.

Ascoltando e leggendo le diachiarazioni dei bancari italiani si evince che il sistema bancario è perfetto, che le banche sono solide e che è tutto un bel mondo. Mi piacerebbe ritagliare ora questi peani dei Profumo di turno e poi riprenderli tra qualche tempo.

Gli enti locali e molte banche (UBI per esempio) hanno riempito il portafoglio azionario dei clienti (i secondi) e le proprie come debito (i primi) con titoli e rapporti con due banche belghe (Dexia soprattutto) che sono state nazionalizzate l'altro giorno. Una bancorotta di Dexia avrebbe creato problemi devastanti a moltissimi enti locali italiani (la Regione Lazio, il comune di Roma) e banche (UBI).

Vedremo.
In tanto i più furbi hanno disinvestito qualche anno fa. Molti lo stanno facendo disperatamente adesso con perdite grosse. I più speranzosi mantegono le azioni in attesa di un futuro più roseo, sperando di recuperare parte di quello che hanno perso in questi anni.

Pubblicato il 1/10/2008 alle 17.4 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web